Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘affetto’

Diario di Bordo del 7 Febbraio 2011: Terapia del Dolore pt.2

Currently listening to…

 

 

So che è un pasto pesante da digerire ma possiamo procedere per tappe.
Nessuno ci corre dietro, perciò non sarà difficile arrivare alla fine di questo viaggio.

Dicevamo…

 

Da quello che ho potuto osservare, oggi le tendenze sono due: quella di isolare il Dolore o spettacolarizzarlo. No vie di mezzo.
Di quelle famiglie, ragazzi, enti, iniziative, associazioni, professionisti, che riescono a curare, gestire, smembrare, riciclare il Dolore, se ne parla poco o sono vittime della più totale indifferenza.

Il Dolore “isolato” è quello ospedalizzato, protetto magari, curato ok ma da un certo punto di vista  posto a margine della società, come se intralciasse, rallentasse il treno, quella che si può chiamare “vita sociale”.

 

Il Dolore malato ha precisi orari di visite, durante i quali sono presenti solo alcuni familiari e dove difficilmente vengono portati i bambini…

E perchè mai? Mi chiedo.
Assassini, plastici, attentati, culi al vento, soft-porno, carri armati e mostri siliconati sì, solo perchè sono chiusi dentro un quadrato lucente. Ma la Malattia Vera, quella con odori, rumori e colori reali, no.

Una volta esisteva la Coerenza, oggi deficitiamo anche di quella.

 

Quando mio padre era bambino la famiglia si riuniva intorno al Dolore.
Si faceva forza, assisteva, lottava, curava e affrontava il Dolore giorno dopo giorno.
Poteva vincerlo o soccombere impotente, mentre il Dolore si portava via la Vita.

I bambini osservavano e imparavano da quel Dolore, che insegnava loro ad apprezzare la Vita, dalle cose più semplici a quelle più vezzose e divertenti.
Il Dolore veniva frantumato, stracciato, azzannato e digerito a piccoli pezzi.
La Famiglia non era mai lasciata sola di fonte al Dolore.
C’era una comunità di amici, parenti, vicini, che facevano il possibile.
Il Dolore univa, non separava le persone.

E in un’epoca i cui le Istituzioni e gli Aiuti Ufficiali erano ancora più scarsi e impreparati di oggi.

 

Nessuno augura ad un bambino di guardare in faccia la Morte o di veder soffrire qualcuno che ama.
Ma se il fanciullo viene accompagnato, abbracciato, se gli viene insegnato e gli si offrono gli strumenti per affrontare e superare quel Dolore, io lo trovo giusto. Lo trovo Sano, Civile, Educativo.

 

Ricordo il funerale del nonno materno, io e la mia sorellina – avrà avuto 5 anni – fuori dall’obitorio, in attesa che mia madre e i suoi fratelli seguissero il sigillo del cofano.
Aveva la stessa età che avevo io quando se n’è andata nonna.
Ha avuto la mia stessa reazione e posto la stessa identica domanda: – Perchè la mamma piange? – mentre grossi lacrimoni cadevano in picchiata sulle guanciotte.

A suo tempo, non avevo ricevuto risposta ma avevo una vaga idea di cosa avrei voluto sentirmi dire.
Mio zio, l’adulto della situazione, aveva guardato me e mia sorella con viso triste, tirato e muto.
– La mamma piange perchè noi abbiamo perso un nonno ma lei ha perso il suo papà. – le ho detto.
Dopo qualche singhiozzo: – Ma io non voglio che pianga! –
– Lo so, nemmeno io. Ma anche tu stai piangendoNon sei triste per il nonno?
– Sì –
Allora è giusto che anche la mamma sia triste. Quando esce valle a dare un abbraccio forte forte.

 

Ai funerali del nonno non ho pianto.
Forse perchè mi rendevo conto che la malattia si era presa tutto quello che di lui era rimasto e dopo aver lottato fino all’ultimo giorno, era giusto che avesse il suo riposo.
Avevo avuto tempo di conoscerlo – anche se ne sarebbe servito di più -, apprezzarlo, imparare da lui, sentirlo raccontare la Vita e la Guerra, capire i suoi errori di padre, fare la nipote insomma, senza lasciare alcun conto in sospeso con lui. Sempre diretta, sempre sincera, anche nei capricci o negli abbracci e i “ti voglio bene”.

Ho pianto dopo, sì, quando ho cominciato a sentire il vuoto. La mancanza.
Il Dolore della perdita che viene assorbito, la ferita che si ricuce ma che magari torna a dare fastidio con i cambi di stagione.

 

Se noi interrompiamo questo processo di apprendimento, come i versi e gli squittii per quello della parola o andare gattoni per i primi passi, ci sarà sempre un pezzo mancante nel puzzle e prima o poi dovrà essere ricostruito, si spera non “artificialmente”.

 

Ho raccontato di un Dolore forte e inequivocabile ma posso fare anche l’esempio di una disabilità permanente, come quella che costringe su una sedia a rotelle.

Bisogna educare al Dolore, è necessario.
E’ sbagliato isolare le esperienze dolorose solo perchè appartengono ad “altri”, solo quando non siamo noi i protagonisti.

 

Capire ed affrontare il Dolore di questi “altri” ci aiuta a gestire anche i nostri, dare il giusto valore alle cose, mettere tutto in prospettiva e trovare passo passo le soluzioni al problema.

Non possiamo permettere che un’insicurezza, una paura, una fragilità si trasformi in un Dolore così grande da paralizzare e addirittura uccidere.
Non possiamo permetterci di perdere altri ragazzi, solo perchè manca un’educazione, una Terapia del Dolore.

 

To be continued

 

Annunci

Read Full Post »

Diario di Bordo del 25 Gennaio 2011: Incompresa

 

photo by: silverquill.deviantart.com

 

Spesso è un bene fare lo sforzo di uscire da sè e mettere le cose nella giusta prospettiva.
Soprattutto se fa male e sai che vedrai le stelle per giorni.


Ordine, chiarezza, resettare le priorità, riscrivere le mappe, perchè le mete possono essere tante e ognuno di noi sceglie una strada diversa per raggiungerle.
Senza contare che possono anche cambiare.


Nel mio caso sono io che decido la rotta e se mi rendo conto che la direzione non è più quella che desideravo intraprendere sono sempre in tempo a girare.

 

Chi vi dice che non potete farlo o che è troppo tardi si sbaglia. E di grosso anche.


Io sono il Wayward, l’Explorer, il Navigator…


Certo che possiamo cambiare idea!
Certo che possiamo accorgerci di sbagliare!
Certo che possiamo imparare da esperienze e persone che facciamo e incontriamo nel corso del Viaggio!
Non dobbiamo
Non devo
rendere conto di questo, a meno che non sia una questione sentimentale, un progetto di lavoro, una faccenda politica, insomma che coinvolga altre persone nella decisione.
Anzi, ci tengo e sono tenuta a spiegarne i motivi, prima a me stessa e poi ad altri.

La penso così.

 

Non so se fra voi ci sia qualcuno che si riconoscerà in quello che sto per scrivere
mi piacerebbe tanto saperlo
ma io non mi sono mai sentita completamente parte di qualcosa.
Che fosse un fun club, un pensiero politico, una filosofia di vita, un credo religioso, una tribù giovanile, ecc.

Non ho mai trovato il Posto Giusto Per Me e nella ricerca spasmodica di un gruppo identitario al quale appartenere, ne ho attraversati tanti.


Fare l’Esploratrice non è divertente come sembra.

Non ti fermi mai in un luogo troppo a lungo, incontri e perdi affetti che non riesci a portare via con te, perchè le persone amano i loro confini rassicuranti.

 

Se li eludi o sfuggi a quella ristretta cerchia
e non ammetteranno mai che è così ristretta
più mentale che fisica
non si sprecheranno a chiederti, figuriamoci capirti!

Sei fuori, con una facilità e velocità sorprendenti, quando invece per entrare hai dovuto donare il sangue e scendere a piccoli passi nei Gironi dell’Inferno.


Fare il Navigator significa essere liberi, imparare molto, scoprire mille cose, a volte anche prima degli altri
passare attraverso errori che poi saranno compiuti anche da altri
E non c’entra niente il fattore Età.

Vivere quindi eternamente incompresi, in solitaria, spesso inascoltati.

Perchè?

Semplice, il tuo pensiero non è conforme a nessuna Etichetta, nessuno Schema preciso, nessuna Casella.
Prima di essere preso in considerazione, perciò, devi passare al vaglio e all’approvazione di almeno un membro del Gruppo o dei Gruppi ai quali ti rivolgi.

 

Nella Società in cui viviamo te sei Nessuno fino a quando arriva Qualcuno che ti Presenta.
Ti Battezza e ti da un Nome, una Definizione.
In caso contrario puoi fare anche la muffa.


L’Explorer cerca di intervenire perchè si accorge che può dare una mano e in alcuni casi ci riesce ma poi la gente dimentica.
Frustrante, terribile ma vero.

Ho parole come marchi impressi a fuoco sulla pelle
Ricordi penetrati e incisi nelle arterie

 

Non sono un’intellettuale, non sono una critica, non sono una scrittrice, non sono nemmeno laureata, perchè i miei non ce la facevano a pagarmi gli studi e nemmeno io ce l’ho mai fatta
volevo fare Sociologia
Ma affidandomi alle parole del mio ex Direttore Responsabile per cui stima e affetto resteranno sempre immensi
mi ha insegnato tanto
alla fine quel che serve è faccia tosta, diplomazia, tenacia e sbattimento.


Perciò sono qui e basta.
Sono ciò che sono con tutti i miei pro e contro.
Inutile farmi brutto, sparate sull’ambulanza

Seriamente, ce l’ho messa tutta per conformarmi ma…
I’ll never Fit In
e ne pagherò le conseguenze a vita.

 

P.S.
Da un pò ormai, fra chi mi segue
o dovrei dire spia
c’è anche qualcuno che nonostante stia messo meglio di me, si diverte a criticarmi in altra sede.

E’ la storia della mia Vita ormai.
non c’è limite allo show
Così volevo farle un salutino…

 

Cara, tu mi Lusinghi 😉

 


Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: